Il Ministero della Salute ha fornito alcuni importanti chiarimenti in merito al rilascio del Green Pass.

Gli utenti che non hanno ricevuto o hanno perso l'AUTHCODE possono chiamare il 1500 per richiederlo o scrivere a codice.dgc@sanita.it indicando il codice fiscale, la data dell'evento (es. vaccinazione, tampone negativo, data primo tampone positivo per i guariti) e l'email a cui vogliono ricevere l'AUTHCODE.

La stessa procedura è valida per richiedere il pass per i soggetti minorenni o per coloro che non hanno comunicato il numero telefonico o lo hanno cambiato.

I cittadini che hanno contratto il Covid, per poter ricevere il pass, hanno necessità di far registrare il certificato di guarigione, anche pregresso, da un medico all’interno del Sistema TS, che è collegato alla piattaforma nazionale-DGC. Si segnala che la validità del certificato di guarigione è di massimo 180gg dalla data di primo tampone positivo.

Per l'emissione del green pass sono considerati validi solo i tamponi che rientrano nella HSC Common List (la durata del Green Pass è di 48 ore dall'ora di prelievo).

Fino al 12 agosto il certificato vaccinale, di guarigione e il referto del tampone rilasciato dalla struttura sanitaria può essere considerato valido come DGC.

Qualora il certificato presenti degli errori, l’utente deve richiedere alla Regione o alla Provincia Autonoma la rettifica dei dati. Il nuovo green pass verrà emesso entro 24/48 ore.

Se il cittadino ha ricevuto due dosi vaccinali in due regioni diverse e ha ricevuto due pass di prima dose, deve richiedere alla seconda regione di rettificare la vaccinazione ed indicare la somministrazione come seconda dose nei sistemi informatici.